Nel Cilento sta per tornare l’evento più lungo dell’estate. Sabato 21 luglio si aprirà la terza edizione del Festival della Dieta mediterranea, organizzato dal Comune di Pollica insieme al Museo Vivente della Dieta mediterranea di Pioppi e a Legambiente con il patrocinio morale della Regione Campania e del Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni.

Si partirà dal porto di Acciaroli, dove alle 9.00 saranno consegnati agli operatori turistici locali, quali bar e stabilimenti balneari, i kit Pollica plastic free, a seguito dell’omonima ordinanza che ha imposto il divieto di utilizzo di materiali plastici non compostabili nelle attività ristorative e ricettive del Comune. I kit comprenderanno dei monouso, come bicchieri e tazzine per il caffè, in Mater-bi, materiale che, grazie alle sue caratteristiche certificate di biodegradabilità e compostabilità e all’alto contenuto di materie prime rinnovabili, consente di ottimizzare la gestione dei rifiuti organici e ridurre l’impatto ambientale. L’avvio della campagna sarà sostenuto dalla Cooperativa Ventuno, start up per la rivendita di prodotti ecologici e compostabili, nata con il supporto del gruppo Novamont, azienda italiana leader nella produzione di bioplastiche e biopolimeri.

Quindi alle 12.30 appuntamento a Pioppi, presso il Palazzo Vinciprova, sede del Museo Vivente della Dieta mediterranea e Museo Vivo del Mare, che ospiterà la diretta radiofonica del programma di RaiRadio1 “Coltivando il futuro” condotto da Sandro Capitani e dedicato al mondo della terra.

Alle 18.30 nelle sale del Museo Vivente si terrà il vernissage della mostra di Ferdinando Vassallo “L’iperuranio cinetico: il cibo ancestrale”, accompagnato dalla performance artistica dei Cravon Fire.

Quindi alle 19.00, presso i giardini del Palazzo Vinciprova, ci sarà l’apertura ufficiale del Festival, alla quale interverranno: Stefano Ciafoni, presidente nazionale di Legambiente; Mariateresa Imparato, presidente di Legambiente Campania; Stefano Pisani, sindaco di Pollica; Cono D’Elia, vicepresidente del Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni; Aristide Valente, presidente di Alma Seges; Luciano Pignataro, giornalista enogastronomico; Gabriella Russo, dirigente scolastico; Francesco Lo Schiavo, presidente della Fiv Campania; Valerio Calabrese, direttore del Museo ospitante; Daniela Cennamo, fiduciario della Condotta Slow Food Cilento e Antonia Autuori, presidente della Fondazione Comunità Salernitana.

Alla presentazione seguirà lo showcooking di Giovanna Voria, chef dell’Agriturismo Corbella (Cicerale) e ambasciatrice della Dieta mediterranea nel mondo. A chiudere la giornata inaugurale sarà il live music de I camerieri di Cristo.

Il Festival della Dieta mediterranea proseguirà fino all’8 settembre con un fitto calendario di eventi tra dibattiti, concerti musicali, incontri letterari, showcooking e tanto altro. All’interno del programma, anche una rassegna di letteratura noir, con ospiti del calibro di Massimo Carlotto e Maurizio De Giovanni. Ritornano anche i concerti jazz all’alba sulla spiaggia davanti Palazzo Vinciprova: primo appuntamento il 22 luglio con il sassofonista Giulio Martino e il pianista Gianluigi Goglia. Di interesse anche la collaborazione con il Giffoni Film Festival, che darà vita a una mini rassegna di cinema per ragazzi con film ispirati a tematiche ambientali.

Il Festival, che ha ormai una risonanza nazionale, per cinquanta giorni accenderà i riflettori sul Cilento e in particolare sulla città di Pollica, una delle sette comunità emblematiche della Dieta Mediterranea individuate in sede di dichiarazione Unesco. L’obiettivo è quello di celebrare e diffondere i sani principi della Dieta mediterranea, dalla corretta alimentazione, allo stile di vita sostenibile.

L’edizione 2018 ambisce a superare il successo delle prime due e a diventare sempre di più un’attrattiva per il territorio – dai turisti agli abitanti delle località limitrofe – affinché un pubblico sempre più ampio si faccia testimonial dello stile di vita mediterraneo.  

Tagged with →  
Share →